Carte Prepagate Hype Start e Hype plus: differenze e vantaggi per chi porta amici

Da quando Banca Sella ha lanciato le carte prepagate Hype sul mercato italiano, il mondo delle card ha vissuto un periodo di autentica rivoluzione. Per la prima volta, dopo che per anni si è stati abituati a pagare pressoché qualsiasi operazione bancaria, è stato introdotto il concetto del “tutto gratis”, che ha suscitato l’interesse di molti. Per dovere di cronaca, occorre ricordare come già Unicredit con la sua carta Genius Card, riservata agli Under 30, avesse già provato a percorrere una strada similare, con risultati, per la natura dell’operazione e per i costi previsti, di proporzioni differenti. Azzerato il canone annuale e sposato il binomio carta-conto con IBAN, infatti, rimanevano e rimangono tutt’oggi le commissioni applicate ai prelievi eseguiti fuori dal circuito Unicredit e per le ricariche, sia online da conto corrente, che in contanti presso la filiale o lo sportello.

Hype è invece disponibile per ogni fascia di età, dai 12 ai 17 anni con la versione destinata ai minorenni, e con Hype Start e Plus per tutti i maggiorenni che ne facciano richiesta. Andiamo oggi a scoprire in che modo Banca Sella ha voluto differenziare in maniera vincente il suo prodotto.

CARTA PREPAGATA HYPE START

I vantaggi di Hype sono apprezzabili fin dalla registrazione, anch’essa gratuita. Per ultimare il processo di richiesta, infatti, è sufficiente disporre di un pc, di uno smartphone e di un documento di identità. Non saranno richiesti più di qualche minuto e pochi passaggi per finalizzare il tutto: recandosi sul sito Hype o scaricando l’app gratuita basta avviare l’iscrizione, completare i campi richiesti e scattare un selfie con il proprio documento. A questo punto si disporrà fin da subito di una carta virtuale, con PAN (il numero) e CVV (il codice di tre cifre per autorizzare gli acquisti online) uguale a quello della carta fisica che verrà spedita presso la propria residenza o presso un altro indirizzo, se indicato in fase di registrazione. In genere i tempi di attesa per la ricezione della carta non superano i pochi giorni, mentre sono più lunghi per la consegna del pin. Nel mentre si attende di ricevere a casa la carta Hype, è già possibile utilizzare la carta virtuale per completare gli acquisti online: è sufficiente ricaricare almeno 1€, tramite altra carta direttamente dall’app o con un bonifico, per ottenere i 10€ di bonus di benvenuto subito spendibili, a patto che sia stato indicato durante la registrazione il codice GIFT10. Il bonus di benvenuto è invece di 15€ con il codice PLUS15 se si sta richiedendo Hype Plus. Anche in questo caso è necessario ricaricare almeno 1€ per ottenerlo.

HIPE START E HYPE PLUS DIFFERENZE

Ma in cosa si differenziano Hype Start e Hype Plus? Andiamo insieme a scoprirlo!
Entrambe non prevedono costi di attivazione, ma rispetto alla versione base, Hype Plus ha un canone annuo di 1€ al mese. Il canone di Hype Plus, tuttavia, è ampiamente giustificato, come vedremo, dai limiti operativi ben più elevati.
Con Plus, infatti, il plafond è pari a 20.000€ rispetto ai 2.500€ di Start.
Il massimale ricaricabile ogni anno con Plus è di 50.000€ mentre con Start si ferma ai 2.500€ del plafond.
Un altro grande vantaggio riguarda i costi delle ricariche con carta: con Hype Start è prevista una commissione di 0,90€ a transazione mentre sono del tutto gratuite con Hype Plus.
Una differenza sostanziale emerge poi anche per quanto riguarda i massimali di ricarica: se per entrambi i prodotti è previsto un tetto di 250€ giornalieri per ricarica con carta, con bonifico si va dai 1.000€ al giorno di Start ai 4.999€ di Plus. La ricarica mensile massima di Hype Start inoltre coincide con il tetto previsto per il plafond e per le ricariche annuali, ovvero 2.500€, mentre con Plus è possibile arrivare fino a 20.000€ nell’arco dei 30 giorni.
Anche la ricarica in contanti presso i punti vendita abilitati conferisce ulteriori vantaggi ai possessori di Plus che, a fronte di una ricarica minima di 20€ (lo stesso di Start), possono ricaricare fino a 250€ per operazione (ad un costo di 2€ cad.), fino a 500€ in un giorno e fino a 6.000€ in un anno. Per Start i limiti sono fissati rispettivamente a 150€, 200€ e 1.000€, con un costo di 2,50€ ad operazione.
Gratuite per entrambi i prodotti, invece, sono le ricariche provenienti da altri Hyper (possessore di carta Hype), così come quelle effettuate con bonifico o mediante carta PagoBancomat su ATM QuiMultiBanca.
Lato prelievi, Hype Start consente di ritirare presso ATM nei paesi UE ed extra UE un massimo di 250€ alla volta, che coincide anche al tetto giornaliero, mentre nell’arco di un mese la cifra non può superare i 1.000€. Con Plus, invece, è possibile ritirare un massimo di 500€ alla volta, per un totale di 1.000€ al giorno. Coincide con la versione Start, invece, il limite mensile di prelievo, fissato a 1.000€.
Per concludere, ecco i limiti di spesa: per Hype Start è fissato a 999€ sia per i pagamenti con carta, sia per i bonifici in uscita. Con Plus, invece, l’operatività dei pagamenti con carta è legata alla disponibilità del saldo mentre per i bonifici è previsto un tetto massimo di 4.990€.

Alla luce dei differenze evidenziate, quale dei due prodotti di Banca Sella vi ha suscitato maggiore curiosità?