Card
Applicazioni

Nail Pay (Pagamenti con l’unghia): il nuovo metodo contactless!

nail-pay

I pagamenti digitali sono diventati ormai un’abitudine, i contanti vengono utilizzati pochissimo e di recente la classica carta o bancomat è stata già sostituita da nuovi metodi di pagamento (es. tramite smartphone). C’è spazio anche per motodi di pagamento ancor più innovativi. È il caso della tecnica Nail Pay, un nuovo metodo contactless che ci permette di effettuare pagamenti con l’unghia.

In occasione dell’Ottava edizione del Salone dei Pagamenti, Mastercard a Milano ha messo in gioco alcune novità che hanno lasciato i partecipanti a bocca aperta.

L’azienda ha mostrato la possibilità di rivoluzionare l’ambito contactless pagando con un chip innestato su un’unghia, su un anello in ceramica e legno o con smartwatch di ultima generazione.

Leggi anche: “Nuovi metodi di pagamento: con il palmo della mano!”.

Di seguito tutto ciò che c’è da sapere sull’ultimo trend in fatto di pagamenti digitali: il Nail Pay.

Nail Pay: cosa c’è da sapere sul metodo di pagamento con l’unghia

Si chiama Nail Pay e altro non è che un nuovo metodo di pagamento digitale che permette di effettuare la transazione attraverso un dispositivo applicato alla propria unghia.

Ora la manicure non è più decorata da glitter ma da un piccolo chip RFID che viene innestato all’interno! A quel punto la nostra mano potrà avvicinarsi al pos e autorizzare la transazione.

Non sarà più necessario portare con sé borse, portafogli o altri dispositivi. Il plus? Ci si può concedere un caffè al bar dopo un allenamento running outdoor e soprattutto si evitano scippi o altre aggressioni per rubare portafogli alla ricerca di contanti.

Il procedimento, attualmente presentato ad un evento a tema ma non ancora disponibile per i clienti finali, ha un sistema di autenticazione del PIN per poter evitare addebiti accidentali.

L’anello digitale per pagamenti contactless

Il progetto va ad aggiungersi all’anello smart di Intesa San Paolo: la banca, sempre un passo avanti, ha firmato un’importante collaborazione con un’azienda svedese chiamata Tapster.  La stessa, ha realizzato un dispositivo di ultima generazione in legno e ceramica che andrà a sostituire la tradizionale carta da pagamento.

Come funziona? Lo smart ring è dotato di chip NFC e si attiva tramite un QR Code in accompagnamento. Sembrerebbe una novità che arriverà in vendita da metà dicembre, anche per i clienti italiani di Intesa Sanpaolo e Mastercard.

Leggi anche: “Guida ai Pagamenti POS: Novità, Limiti, Sanzioni”.

Il futuro dei pagamenti digitali coinvolge il nostro corpo

Non più carte fisiche, nemmeno smartphone: si pagherà direttamente con un gesto delle proprie mani. La tecnologia fa passi da gigante e il mondo dei pagamenti digitali ha permesso di realizzare qualcosa che fino a qualche anno fa poteva sembrare solo frutto di un film fantascientifico.

Le transazioni contactless avverranno in modo semplice, senza necessità di estrarre le proprie carte o smartphone. Niente paura per la manicure: si potranno smaltare le unghie in totale sicurezza!  Infatti, nonostante il chip non si veda ad occhio nudo, verrà tranquillamente captato dai sensori dei POS che autorizzeranno il pagamento.

Mentre per l’anello abbiamo già una data di commercio che corrisponde alla fine dell’anno, per il chip di pagamento sull’unghia siamo ancora in fase sperimentale. La dimostrazione tecnologica è stata infatti limitata,  presentata solo ad un evento tech di settore.

Potrebbero interessarti

Ria Money Transfer: Cos’è, Come ritirare denaro, Costi

Vincenzo

App Verse: Cos’è, come funziona, cosa si può fare

Vincenzo

Il borsellino nello smartphone? Per Android è GooglePay

Monica