Card
Carte Prepagate

Carta Dedicata a Te: Tutte le Novità del 2024

carta-dedicata-a-te

Con l’avvicinarsi della scadenza per l’utilizzo della Carta Dedicata a Te, si prospettano importanti cambiamenti che coinvolgeranno numerose famiglie italiane.

Anche se il governo ha previsto una nuova erogazione per il 2024, a quanto pare molte di queste famiglie non ne potranno più beneficiare. Si restringe quindi la cerchia dei beneficiari, e cambiano i requisiti di assegnazione del sussidio economico.

Leggi anche: “Differenze tra Carta di Credito, di Debito, Prepagata, Carta Conto!”.

Di seguito ti indicheremo tutto ciò che sappiamo sulla Carta Dedicata a Te, novità 2024, requisiti richiesti.

Addio alla Carta Dedicata a Te per molte Famiglie

La Carta Dedicata a Te, introdotta nel 2023 dal governo Meloni come indennità utile per il sostentamento delle famiglie in difficoltà economica, si appresta a concludere il suo ciclo di utilizzo entro il 15 marzo 2024. Questo strumento di sostegno, erogando un totale di 460 euro in due tranche, ha offerto un aiuto prezioso a coloro che non potevano accedere ad altre forme di sostegno, come il Reddito di Cittadinanza o il nuovo Assegno di Inclusione.

Tuttavia, non tutte le famiglie che hanno usufruito della Carta Dedicata a Te nel 2023 potranno contare sul rinnovo per il 2024. Nonostante il governo abbia stanziato ulteriori risorse per quest’anno ed anche per il prossimo anno (stanziamento totale pari a 600 milioni di euro), ci saranno delle esclusioni ben definite.

Infatti, le famiglie che nel periodo tra il 2023 e il 2024 hanno subito variazioni economiche significative, come un aumento dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (Isee) superiore a 15.000 euro, saranno escluse automaticamente.

Allo stesso modo, coloro che hanno beneficiato di altri sostegni statali, come l’Assegno di Inclusione e il Supporto per la Formazione e il Lavoro, non potranno più accedere alla Carta Dedicata a Te.

Inoltre, facciamo presente che la nuova assegnazione terrà conto di diversi criteri, tra cui l’Isee aggiornato e le modifiche nel nucleo familiare. Ad esempio, famiglie con figli che nel corso dell’anno hanno raggiunto i 14 o i 18 anni di età potrebbero perdere il diritto prioritario al sussidio.

Nuove Regole e Criteri di Assegnazione

La Carta Dedicata a Te viene assegnata in base alle disponibilità del Comune di residenza, che a sua volta concederà precedenza assoluta ai nuclei familiari con almeno tre componenti e almeno un minore di 14 anni. Solo successivamente sarà possibile valutare anche le famiglie con almeno un minore di 18 anni e, dopodiché, quelle che soddisfano i requisiti residui.

Il criterio dell’età dei minori cambia di anno in anno, influenzando così la “graduatoria”. Inoltre, un aumento dell’Isee potrebbe comportare l’uscita dalle posizioni utili della graduatoria, rendendo più difficile l’accesso alla carta.

In attesa delle nuove disposizioni per il 2024, coloro che prevedono un aumento dell’Isee potrebbero valutare la possibilità di richiedere una nuova certificazione economica per aumentare le proprie probabilità di essere considerati idonei.

La Carta Dedicata a Te, dunque, si appresta a introdurre nuove regole e priorità, che influenzeranno l’accesso a questo importante strumento di sostegno per le famiglie italiane in difficoltà economica.

Per il momento non ci sono ulteriori novità riguardanti la Carta Dedicata a Te, non ci resta quindi che attendere aggiornamenti. Nei prossimi paragrafi ti forniremo una breve panoramica generale sulla Carta Dedicata a Te, e ti indicheremo ulteriori informazioni utili.

Leggi anche: “Nuova Carta VISA Poste Italiane: attivabile da Settembre 2023!”.

Requisiti 2024

Ricapitolando, ecco la lista di beneficiari idonei e relativi criteri di priorità.


  1. Nuclei che registrano la presenza di almeno un componente nato entro il 31 dicembre 2009, con i seguenti criteri di priorità:
  • Indicatore dell’ISEE ordinario crescente;
  • Data di nascita dei tre componenti più giovani;
  • Numero componenti della DSU (almeno tre persone).

  1. Nuclei che registrano la presenza di almeno un componente nato entro il 31 dicembre 2005, con i seguenti criteri di priorità:
  • Indicatore dell’ISEE ordinario crescente;
  • Data di nascita dei tre componenti più giovani;
  • Numero componenti della DSU (almeno tre persone).

  1. I restanti posti in graduatoria sono definiti in base alla numerosità dei componenti DSU (almeno 3 persone), con i seguenti criteri di priorità:
  • Indicatore dell’ISEE ordinario crescente;
  • Data di nascita dei tre componenti più giovani.

Carta Dedicata a Te: Cos’è

La Carta Dedicata a Te rappresenta uno strumento essenziale per le famiglie italiane in difficoltà economica. Si tratta di una carta prepagata (gestita ed emessa da Poste Italiane) che offre un saldo iniziale di 382,50 euro, destinati all’acquisto di beni di prima necessità.

Saldo che, in seguito al Decreto Energia, è stato aumentato grazie all’introduzione di un ulteriore bonus, denominato Bonus Benzina, che ha portato in dote ulteriori 77,20 euro per ogni beneficiario. L’importo indicato è però destinato esclusivamente all’acquisto di carburante o abbonamenti a servizi di trasporto pubblico.

Le carte sono state assegnate ai nuclei familiari con un ISEE inferiore a 15.000 euro, coinvolgendo complessivamente 1,3 milioni di famiglie italiane.

L’importo disponibile sulla carta deve essere utilizzato entro la data di scadenza prevista, in questo caso entro il 15 marzo 2024.

Per verificare il saldo disponibile sulla propria carta e consultare l’elenco delle transazioni effettuate, è sufficiente recarsi presso uno sportello Postamat e inserire il PIN associato alla carta. Purtroppo, attualmente non è disponibile un numero verde dedicato come accade ad esempio per l’Assegno di Inclusione.

Ulteriori Info

Nel corso del mese di luglio 2023 (prima fase), la Carta Dedicata a Te è stata distribuita a un totale di 1 milione e 300 mila famiglie italiane. Inizialmente dotata di un fondo di 500 milioni di euro, ciascuna carta è stata accreditata con 382,50 euro. Poi, grazie ad un rifinanziamento pari a 100 milioni di euro, è stato introdotto un accredito aggiuntivo pari a circa 77,20 euro per ogni famiglia.

Tuttavia, è importante notare che non tutte le famiglie assegnatarie hanno attivato o utilizzato la carta entro la prima data di scadenza fissata al 15 settembre 2023. Una nuova finestra di attivazione è stata poi aperta dal 15 dicembre al 31 gennaio 2024.

Per quest’ultima finestra, ufficializzata tramite Decreto n. 131/2023 del Ministero delle Imprese e del Made in Italy, in collaborazione con i Ministri dell’Economia e dell’Agricoltura, sono state definite anche le modalità di utilizzo del credito aggiuntivo (Bonus Benzina e Trasporti).

Questo decreto ha anche ridefinito le modalità di utilizzo del bonus benzina e trasporti, assegnato entro la fine del 2023, per garantire che venga impiegato nei limiti stabiliti.

Potrebbero interessarti

Carta crypto.com: come funziona, costi, opinioni

Vincenzo

Postepay PuntoLis: cos’è, come funziona, costi

Vincenzo

Carte Prepagate Ricaricabili: le migliori del 2022

Vincenzo