Card
Carte Conto

Carta Libretto Postale: Cos’è, Come Funziona, Costi

carta-libretto-postale

La carta Libretto Postale è lo strumento che viene utilizzato per effettuare versamenti e prelievi dal Libretto Ordinario e Libretto Smart di Poste Italiane.

Funziona quindi come una qualsiasi carta di debito, va necessariamente associata ad uno dei due prodotti Poste indicati.

Ricordiamo inoltre che non si tratta di una carta utile per gestire le spese quotidiane, bensì per gestire i fondi presenti sul Libretto Postale. Per quanto riguarda il rendimento annuo, segnaliamo che gli interessi possono arrivare ad un massimo pari al 4,40 % annuo.

Gli interessi maturano dal giorno del versamento fino alla data di estinzione del Libretto, con capitalizzazione annua al 31 dicembre.

Leggi anche: “Carta BancoPosta Più: la carta revolving di Poste Italiane!”.

Di seguito ti indicheremo caratteristiche, servizi, costi e commissioni della carta Libretto Postale di Poste Italiane.

Carta Libretto Postale: Caratteristiche e Servizi

Come già anticipato, la carta Libretto Postale è la carta di prelievo e versamento collegata ad un piano Ordinario o Smart. Possibile effettuare queste operazioni presso qualsiasi ATM del circuito Postamat, o presso lo sportello di qualsiasi ufficio postale.

Sempre da ATM sarà possibile controllare il saldo e la lista movimenti, ed effettuare operazioni di girofondi da o verso il tuo Libretto Smart (operazione non consentita per chi ha il Libretto Ordinario).

La carta non è dotata di IBAN e quindi non risulta abilitata all’invio ed alla ricezione di bonifici. Su questa carta non è possibile accreditare lo stipendio, eccezion fatta per i dipendenti pubblici, ma solo la pensione INPS o INPDAP.

Per quanto riguarda i costi invece, segnaliamo che non è previsto alcun costo per apertura, gestione o estinzione della carta e/o del Libretto Postale. Lo stesso vale per i prelievi di contante e i versamenti che risultano sempre gratuiti.

Sono presenti però dei limiti massimi di prelievo, che ammontano a 600 euro al giorno e 2.500 euro mensili.

Infine, prevista l’attivazione di una polizza assicurativa contro il furto di contanti per tutti i titolati di Carta Libretto Postale che accreditano la pensione INPS o INPDAP.

L’assicurazione copre il furto di contanti al momento del prelievo presso gli uffici postali o presso gli sportelli automatici Postamat e nelle due ore successive. La polizza copre fino ad un massimo di 700 euro all’anno.

Leggi anche: “Mini-prestito BancoPosta e Postepay Evolution da 3.000 euro”.

Altri Servizi e Costi

La carta Libretto Postale può essere intestata a persone giuridiche o fisiche e può avere un massimo di quattro intestatari.

Il costo relativo all’imposta di bollo è pari a 34,20 euro per persona fisica, 100 euro per persona giuridica e viene applicata al termine del periodo rendicontato (mese, trimestre, semestre, anno). Se invece la giacenza media annua non supera i 5.000 euro, l’imposta di bollo non è dovuta.

Per gli oneri fiscali ricordiamo che viene applicata una ritenuta del 26% sugli interessi maturati.

Per quanto riguarda la cifra massima che si può depositare in un Libretto Postale, facciamo presente che non sono stati indicati o impostati limiti da parte di Poste Italiane. Il correntista deve però sapere che la somma depositata è garantita fino a 100.000 euro.

Potrebbero interessarti

Conto Bancoposta: servizi, costi, opinioni

Vincenzo

Carta PayPal: disponibile anche in Italia la Business Debit Card!

Vincenzo

Qonto One: come funziona, costi e opinioni

Vincenzo