Card
Carte Conto

Carta Conto Università: Cos’è, A cosa serve, Atenei

Gli studenti universitari hanno spesso la necessità di utilizzare una carta per effettuare transazioni online e offline, e la carta conto università può tornare loro utile.

Sono diversi gli atenei che mettono a disposizione dei loro iscritti questo servizio, aiutandoli ad ottenere una carta semplice da gestire e che possa essere utilizzata ovunque.

In un mondo che va verso la digitalizzazione di tutte le transazioni economiche è normale che le carte conto universitarie siano sempre più richieste.

Al fine di sfruttare al massimo questi strumenti di pagamento è utile allora capire quali sono le loro principali caratteristiche, quali servizi offrono, quali sono i costi e quali sono i principali atenei italiani che propongono questo tipo di carta.

Leggi anche: “Carta Prepagata Anonima: Cos’è, Come funziona, Tipologie”.

Carte conto universitarie: caratteristiche, servizi e funzionalità

Le carte conto universitarie sono delle carte prepagate con IBAN. Trattandosi di carte prepagate esse non sono collegate a un conto corrente, ma devono essere ricaricate per avere saldo sufficiente per effettuare i pagamenti.

A differenza delle carte di debito il denaro speso non viene scalato dal conto corrente di riferimento, ma direttamente dal saldo della stessa prepagata.

A differenza delle carte di credito il cliente non ha una linea di credito garantita dalla società che emette la carta e potrà quindi effettuare spese solo utilizzando il denaro di cui è in possesso.

La particolarità delle carte conto è che a ciascuna di esse è associato un IBAN. Ciò rappresenta un grande vantaggio rispetto alle prepagate tradizionali, dal momento che è possibile ricevere bonifici sulla carta. Il bonifico può essere utilizzato per ricaricare la carta con un conto corrente intestato a proprio nome, oppure per ricevere pagamenti da amici, parenti e clienti.

Le carte conto delle università possono essere utilizzate dai titolari per effettuare qualsiasi tipo di pagamento. Esse possono essere impiegate per acquisti di beni e servizi online, oppure come strumento di pagamento nei negozi fisici.

La presenza dell’IBAN dà inoltre l’opportunità di domiciliare il pagamento delle utenze, rendendo possibile la semplificazione della gestione delle spese ricorrenti pur non avendo un conto corrente d’appoggio. Di fatto con le carte conto si possono eseguire tutte le operazioni che sarebbero possibili con un conto corrente.

Va sottolineato che queste carte sono proposte come benefit per gli studenti universitari, quindi non sarà possibile scegliere liberamente tra tutte le carte universitarie attive in Italia.

Ciascuno studente dovrà verificare se il proprio ateneo offre questa carta e se interessato dovrà procedere con la richiesta di emissione della stessa.

Come scegliere una carta conto università

Le carte conto universitarie sono tutte molto simili dal punto di vista di caratteristiche e funzionalità. Uno degli elementi che le differenzia è rappresentato dai costi di gestione e dalle commissioni applicate sulle singole operazioni.

In fase di scelta di una carta conto università lo studente non può in realtà scegliere quale carta richiedere, può solo valutare le caratteristiche della carta del suo ateneo e decidere se richiederla o meno. Il canone e i costi complessivi di utilizzo sono gli elementi che impattano su questa scelta.

La scelta dipende anche da quali sono le necessità personali. Chi ha bisogno di una carta di credito per il noleggio auto o per altre operazioni specifiche non si rivolgerà ad esempio a una carta conto dell’università che fa parte delle prepagate.

Chi invece è alla ricerca di una qualsiasi carta di pagamento può valutare questa opzione, confrontandola con le altre prepagate disponibili in commercio, anche se non legate ad alcun ateneo.

Quali atenei hanno la carta conto universitaria?

In Italia diverse università hanno deciso di stringere degli accordi con vari istituti di credito per disporre di una carta conto dedicata da proporre ai loro studenti.

Di seguito sono descritte le soluzioni di alcuni atenei italiani che hanno ricevuto negli ultimi anni svariate richieste di emissione delle carte conto.

Carta conto Università di Brescia

L’Università di Brescia propone a tutti i suoi iscritti una carta conto del circuito Mastercard emessa grazie alla collaborazione con Crèdit Agricole.

La procedura di attivazione avviene interamente online, la carta è dotata di IBAN e può essere usata per eseguire l’operatività di un conto corrente pur non essendo titolari di un conto bancario o postale. La giacenza massima consentita è di 10.000 euro.

Carta Flash Up Studio La Statale

L’Università degli Studi di Milano propone ai suoi iscritti la carta prepagata Flash Up La Statale, emessa in collaborazione con Intesa Sanpaolo.

La carta può essere attivata a costo zero recandosi in una qualsiasi filiale di Intesa Sanpaolo e può essere poi utilizzata per qualunque tipo di pagamento. La giacenza massima consentita è di 10.000 euro, non sono previsti invece limiti di ricarica annuali.

Gli studenti possono scegliere liberamente se richiederla o meno. E’ obbligatorio essere titolare di una carta Flash Up La Statale solo nel caso in cui si debbano ricevere borse di studio Erasmus, d’ateneo o DSU.

Carta conto Università di Parma

L’istituto di credito Crèdit Agricole ha stretto accordi con diversi atenei italiani e infatti si occupa dell’emissione anche della carta conto dell’Università di Parma.

Le caratteristiche sono le stesse di quelle descritte per la carta conto dedicata agli studenti dell’Università di Brescia: consegna della carta a domicilio o ritiro presso la sede universitaria, procedura di attivazione interamente online, giacenza massima consentita di 10.000 euro.

CartaConto Ca’ Foscari

La CartaConto Ca’ Foscari nasce dalla collaborazione tra questo ateneo e Crèdit Agricole. La carta può essere utilizzata innanzitutto come badge universitario, da esibire per accedere alle biblioteche dell’ateneo e per usufruire del servizio di prestito libri.

La carta può essere impiegata inoltre per fare le fotocopie all’interno dell’ateneo, servizio di grande utilità per tutti gli studenti.

Chi lo desidera può richiedere l’attivazione della carta, evitando di utilizzarla solo come badge universitario e iniziando a sfruttarla come carta di credito prepagata.

L’attivazione è gratuita e portando a termine la procedura gli studenti si troveranno tra le mani uno strumento di pagamento ricaricabile con bonifico. La giacenza massima consentita su questa carta prepagata ammonta a 10.000 euro, non sono previsti invece dei limiti annuali di ricarica.

Potrebbero interessarti

Dots: la nuova carta conto nata da BPER e Hype

Vincenzo

Compass Pay: come funziona, costi, anticipo credito

Vincenzo

LeoPay Twin: conto corrente online a zero spese. Ecco come funziona

carditwp